2018 -2019 THE STAGING OF THE ART serie fotografica per libro

opera
2018 -2019 THE STAGING OF THE ART serie fotografica per libro
categoria Fotografia
soggetto Figura umana
tags digital art, mobile art
base 21 cm
altezza 21 cm
profondità 0 cm
anno 2019
2018 -2019 THE STAGING OF THE ART serie fotografica per libro

DALLA INTRODUZIONE DI NICOLA DAVIDE ANGERAME
“…in questa serie, che riguarda un soggetto di per sé ilare come il (retro)scena dell'arte, intesa in senso fisico, letterale e non metaforico, Privitera ci emoziona e diverte cogliendo l'essenza “oscena” (immorale e fuori scena) della scena dell'arte, a tratti così sguaiata e priva di gusto (come i protagonisti della sezione Visitors) o asettica ed insensata come un'attesa di ciò che tarda a giungere o che non arriverà mai della sezione Custodians (dal Godot di Samuel Beckett ai Tartari di Dino Buzzati, le assonanze si potrebbero moltiplicare); o, ancora, una scena desolante e distratta come negli sguardi rivolti all'altrove offerti nella sezione degli Art Dealers.”
“Questo libro è come una breve guida dentro il “sistema dell’arte” quando non funziona a pieno regime, quando sembra stare a riposo: i selfie con le opere d'arte sono il controcanto odierno alla noia da sempre vissuta dai custodi museali (almeno fino all'invenzione del custode-guida) così come le microattività digitali salvano dall'ozio il gallerista in stand che così “occupa” lo spazio di tempo tra uno spettatore atteso e l'altro; gli spettatori sono (ac)colti da Privitera nel loro punto debole, in quella che potremmo chiamare “fame di punctum”, da “idiot savant” o da scimmia ammaestrata che, malgrado ogni buona volontà, si ritrova a dibattersi tra le proprie aspettative (di senso) e l'inconsapevole fruizione del nulla (l'attesa del senso).”
“Privitera coglie così bene ( lo snaturamento delle fiere d’arte n.d.r. ) grazie ad una sensibilità malinconica da dandy in vacanza nel mondo dell'arte ma che sa accendersi d'improvvisi scatti di rabbia contro il malcostume dettato dalla inconsistenza di quei mezzi digitali (lo smartphone in primis), che proprio lui sceglie come strumento di dannazione e redenzione per produrre una fotografia nuova, di piccolo formato e ultra-elaborata, filtrata a freddo ma anche dotata di un'incendiaria colorazione che meriterebbe forse una nuova teoria dei colori (digitali).”

artista
pietro privitera
Fotografo, Artista, Milano
Foto del Profilo
opere simili
Partner
Logo Leica
Logo ForWe
Logo Allianz
Logo Acqua Lete
Logo Mini Auto
Logo Svila
exibart prize 2021
ideato e organizzato da exibartlab srl,
Via Placido Zurla 49b, 00176 Roma - Italy
 
web design and development by Infmedia

Sending

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account

scopri ogni giorno le ultime notizie
nel mondo dell'arte, del cinema,
della moda e della cultura.
Inserisci la tua email e premi iscriviti.