Legal Aliens. Intervista a Florian Raditsch

Towers Torres

Intervista a Florian Raditsch, artista californiano, in occasione della sua personale ‘Legal Aliens’ – curata da Oscarito Sanchez – presso l’Istituto Culturale Messicano in Austria in collaborazione con il Museo di Storia Naturale di Vienna (fino al 17 agosto 2020). Una mostra che per molti aspetti si colloca sul filo del rasoio dell’equilibrio politico tra Messico e Stati Uniti.

Quali sono i temi e le tecniche utilizzate nella tua ricerca artistica? Mi riferisco in particolare al fascino per la sfera scientifica e alla predilezione per il disegno.
«Gli argomenti principali del mio lavoro sono l’identità, o la sua costruzione, la natura e la storia nella sua relazione con i temi della contemporaneità. La sfera scientifica coincide, più o meno, con quella del mondo naturale, in essa si trovano alberi, meteoriti, formazioni di terra e simili. Sono cresciuto in una regione molto remota della California, vicino al Parco Nazionale dello Yosemite, e la Natura è qualcosa di cui ho piena esperienza e di cui riesco quindi a parlare restando fedele al reale. Disegnare per me significa attribuire un senso a ciò che mi circonda; solitamente si disegna e schizza per pianificare ed elaborare l’ambiente circostante e i problemi con cui ci si confronta, eppure i disegni che realizzo sono estremamente intricati, ossessivi e dettagliati».

In the Studio. Photo by Oscarito Sanchez

In the Studio. Photo by Oscarito Sanchez

Cosa ti ha spinto ad andare a studiare in New Mexico? Cos’hai assimilato della cultura ispanico-latinoamericana e in che misura ha influenzato il tuo percorso artistico?
«Ho deciso di studiare in Nuovo Messico poiché sono affascinato sia dal mondo di Georgia O’Keefe e dell’alto deserto, che dalla ricca cultura di questo stato che, storicamente, è un melting pot di etnie (la nativa, la messicana e le coloniche). Cos’ho assimilato della cultura ispano-latinoamericana? Tante cose in realtà, gran parte della mia famiglia vive in Sud America e il linguaggio visivo degli artisti messicani moderni ha avuto un enorme impatto anche sul mio lavoro, da Siqueiros a Tamayo e Rivera e molti altri».

Installation view Legal Aliens, ICM Vienna, 2020. Image courtesy of the artist.

Installation view Legal Aliens, ICM Vienna, 2020. Image courtesy of the artist.

A questo proposito, in che modo le tue opere si riferiscono alla dimensione socio-politica messicana? Come artista americano, come vivi e interpreti la tensione tra Stati Uniti e Messico?
«Il mio lavoro, soprattutto quello di questa mostra, parla in modo sottile e astratto – attraverso l’uso di metafore – della situazione del Messico e degli Stati Uniti, oltre che dell’immigrazione. Come artista americano, sono consapevole della situazione politica attuale e, mentre le elezioni americane si avvicinano sempre più, capisco quanto sia importante parlare dei problemi presenti alla frontiera. Proprio durante la settimana dell’inaugurazione di ‘Legal Aliens’ il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador si è incontrato con il presidente statunitense Donald Trump per parlare di affari commerciali e di economia, il tema dell’immigrazione non è incluso nell’agenda ufficiale della visita e questo ha suscitato proteste».

Installation view Legal Aliens, ICM Vienna, 2020. Image courtesy of the artist.

Installation view Legal Aliens, ICM Vienna, 2020. Image courtesy of the artist.

A proposito d’immigrazione, nei testi critici che accompagnano la mostra, così come nel suo stesso titolo – ‘Legal Aliens’ – si suggerisce un parallelo tra i meteoriti e le figure dei migranti: ce ne puoi parlare?
«Il tema dell’immigrazione è complesso. Il titolo ‘Legal Aliens’ è un gioco di parole che fa riferimento al termine ancora ampiamente utilizzato dai media statunitensi, con senso dispregiativo, per descrivere i migranti, in particolare quelli provenienti dall’America Centrale. Il parallelo tra Meteoriti e Migranti è, come detto, una strategia per discutere tale argomento da una diversa angolazione; i meteoriti sono in un certo senso migranti: provengono da lontano, assumono l’identità nazionale e il nome dal luogo in cui sono atterrati. Si aggiunge, inoltre, il problema dell’appartenenza, per esempio il meteorite messicano Acuña che ho raffigurato è stato attribuito anche al Texas (Stati Uniti), mettendo in così in discussione la sua identità e proprietà. Sarà, quindi, probabile che entrambe le nazioni coinvolte lo rivendicheranno».

News
27 Luglio 2020
Altre news
Partner
Logo Leica
Logo ForWe
Logo Allianz
Logo Acqua Lete
Logo Mini Auto
Logo Svila
exibart prize 2020
ideato e organizzato da exibartlab srl,
Via Placido Zurla 49b, 00176 Roma - Italy
 
web design and development by Infmedia

Sending

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account