The hanging gardens of Babylon

opera
The hanging gardens of Babylon
The hanging gardens of Babylon
categoria Fotografia
soggetto Architettura
tags fotografia, architettura, architettura italiana, scale, palazzi abbandonati, malinconia, abbandono, Caravaggio, fine art, luce
base 120 cm
altezza 90 cm
profondità 0 cm
anno 2020
Stampa fotografica su carta baritata fine art montata su pannello dibond in alluminio ed incorniciata con cornice nera in alluminio (1 cm)
9 esemplari 120x90 cm e 5 esemplari 185x138 cm

Nel nord est italiano, ai bordi di un piccolo paese, esiste un palazzo che ha superato abbondantemente il normale stato di decadimento che normalmente vedo nelle mie esplorazioni. Gran parte della sua struttura ha ceduto e molte stanze sono solo degli scheletri senza più pavimenti e soffitti.
Lo spazio naturale, derubato della sua integrità centinaia di anni fa al momento della costruzione del palazzo, si sta riprendendo nelle ultime decadi quel che le era stato tolto.
La vegetazione rampicante selvaggia si è impadronita dei muri e ricopre gran parte dei lati e la sommità delle stanze a cielo aperto. Una giungla che inghiotte gli antichi resti di una civiltà perduta. Nella mia fantasia immaginavo l'antica Babilonia con i suoi giardini pensili.
quando arrivo alla vecchia scalinata lo stupore si impadronisce di me.
Eccola lì, austera e strenua nella sua resistenza. Una scala che non porta a nulla, rimasta esteticamente fine a se stessa.
Raggiunge tranquillamente gli 8 metri nella sua altezza ma l'elemento vincente, la ciliegina sulla torta che dà quel valore aggiunto, è un albero che è cresciuto su una sporgenza a metà altezza. Quella pianta, ormai albero, doveva trovarsi lì da almeno un decennio giudicando la consistenza del tronco.
Ripresomi dall'iniziale stupore inizio ad attivare il fotografo che è in me. Da terra ed a distanza così ravvicinata è impossibile realizzare una foto d'architettura che mantenga le linee delle pareti verticali, condizione necessaria a trasmettere una certa canonicità, ordine e senso di realtà.
Per fotografare frontalmente bisognava trovarsi ad un livello superiore dal terreno. Le ali non erano un opzione.
Frontalmente alla scala esisteva al primo piano un'apertura di una stanza che in realtà era un sottile spazio che dava sul vuoto, esattamente come si può notare nelle altre aperture ai lati di questa foto.
Curiosando in giro ho reperito degli oggetti che potessero fungere da scala improvvisata. Una volta sopra avevo un sottile spazio di mezzo metro dove stare compreso il treppiede, con le gambe così poco aperte per renderlo stabile che sembrava quasi chiuso. Infatti io stavo a lato del treppiede, non potevo stare dietro il treppiede, così con vari contorsionismi, in bilico a 4 metri d'altezza, regolavo le varie impostazioni della fotocamera.
Con la scala l'albero era il protagonista comprimario, il signore del mio personalissimo giardino pensile di Babilonia. Un elemento cresciuto indisturbato in un luogo improbabile. L'anomalia che attrae.

I nomi dei luoghi vengono omessi per preservarne l'incolumità.
artista
Christian Basetti
Fotografo, Milano
Foto del Profilo
opere simili
Partner
Logo Leica
Logo ForWe
Logo Allianz
Logo Acqua Lete
Logo Mini Auto
Logo Svila
exibart prize 2022/23
ideato e organizzato da exibartlab srl,
Via Placido Zurla 49b, 00176 Roma - Italy
 
web design and development by Infmedia

Sending

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account

scopri ogni giorno le ultime notizie
nel mondo dell'arte, del cinema,
della moda e della cultura.
Inserisci la tua email e premi iscriviti.